Logo
  Articoli     
             
 


Visitatori
Visitatori Correnti : 6
di cui iscritti : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 276
Ultimo iscritto : Comiva
Lista iscritti

 
Altre BMW d'epoca
Inserito il 17 novembre 2003 alle 19:31:19 da atae21.

Sbarro 328

La replica della BMW 328 prodotta da Sbarro è un modello che a prima vista potrebbe apparire fuori luogo in questa rassegna, in quanto non prodotto nelle fabbriche della BMW. Invece, leggendone la storia, se ne evince che la Sbarro 328 ha molto in comune con le altre vetture che compaiono in questo sito e che può fregiarsi a pieno titolo del marchio della casa di Monaco.
Il designer Franco Sbarro nasce nel 1939 in provincia di Lecce. Trasferitosi in Svizzera, dopo aver lavorato per la Scuderia di Georges Filipinetti, all’inizio degli anni Settanta fonda l’omonima fabbrica, con l’intento di realizzare piccole serie di vetture ed esemplari unici su misura per una facoltosa clientela.
Tra le sue prime realizzazioni, vi è la replica della BMW 328 del 1938, presentata al Salone di Ginevra del 1974. Fatto molto raro tra le repliche, spesso non viste di buon occhio dal costruttore dell’auto originale, la vettura reca sul cofano il marchio BMW: l’accuratissima realizzazione della vettura e la perfetta riproduzione dell’originale avevano convinto la Casa di Monaco a concedere l’utilizzo del proprio marchio. Se si pensa che pochi anni più tardi anche la Mercedes farà lo stesso per un’altra produzione della piccola Casa elvetica, la replica della 540K, ci si può fare un’idea precisa del livello qualitativo delle vetture di Sbarro. Naturalmente i prezzi si attestano su cifre in proporzione, cioè elevatissime.
La carrozzeria a doppia scocca in poliestere rinforzato, è montata su un telaio tubolare a deformabilità progressiva, segno dell'attenzione prestata da Sbarro per la sicurezza, un aspetto sovente sottovalutato dai costruttori di repliche. Un'attenzione che porta a prevedere anche le cinture di sicurezza a tre punti e le portiere incernierate anteriormente, l'unica importante differenza con la 328 originale, che le ha incernierate posteriormente.
L’abitacolo, che riprende il più possibile l’aspetto della 328 originale, è rifinito con pelle di prim’ordine; il cliente può personalizzare a suo piacimento la vettura richiedendo tinte su campione sia per gli interni, sia per la carrozzeria, che può essere verniciata anche in bicolore, tono su tono o in contrasto. La prima versione, ribattezzata in seguito Standard e che è la più riuscita perché caratterizzata dalla carrozzeria più simile all’originale, monta il quattro cilindri di 2000 cm3 della Serie 5 E12, ma già l’anno successivo la disponibilità dei motori si estende all’intera gamma dei quattro cilindri M10 della 1502 e della Serie 3 E21 (da 1.6 a 2.0 litri, da 75 a 125 CV). Grazie alla leggerezza del corpo vettura, la Sbarro 328 accelera da 0 a 100 km/h in 12 - 8,5 secondi, a seconda del motore, mentre la velocità massima varia da 160 a 200 km/h. Le dimensioni sono le seguenti: lunghezza cm 370; larghezza cm 156; passo cm 240; il peso circa 750/800 kg a seconda del motore.
Su richiesta è comunque possibile montare qualsiasi motore BMW, compreso il 4 cilindri della 2002 Turbo.
Sempre nel 1975 viene presentata la versione America, riconoscibile a colpo d'occhio per i parafanghi più larghi; è equipaggiata con il nuovo 4 cilindri della 320 (carburatore, 109 CV) o con il 6 cilindri M30 della 525 (145, poi 150 CV).
Pochi mesi più tardi è la volta della Special, con la stessa carrozzeria della America e motorizzata dal 6 cilindri di 3200 cm3 delle E23/E24 (197 CV). Sono disponibili su richiesta anche gli altri motori M30, di 2,8 litri (165, poi 170, 177 e 184 CV) e di tre litri (180 CV). Le dimensioni sono le seguenti: lunghezza cm 380; larghezza cm 171; passo cm 240; peso circa 850 - 900 kg a seconda del motore. Le prestazioni sono eccezionali: la velocità massima spazia tra i 188 km/h della America 2.0, i 220 della America 2.5 e i 250 della Special 3.2, mentre i valori di accelerazione da 0 a 100 km/h sono compresi tra i 9 e i 6 secondi.


Franco Sbarro ritratto nel 1976 accanto alla gamma delle sue vetture. Oltre alla 328 (al centro), sono disponibili la Lola T70, con motore Ferrari V12 (a sinistra) e la Stash, con motore Volkswagen K70. (foto Sport Auto)


Dal 1978 diviene possibile montare sulla 328 Standard il 6 cilindri M60 di 2000 cm3 (per cilindrata e frazionamento il motore che la rende più simile all’originale) e di 2300 cm3 ad iniezione.
Le ultime evoluzioni meccaniche sono apportate negli anni Ottanta: dapprima diviene disponibile per la Special un 6 cilindri M30 elaborato Alpina da 250 CV, che assicura alla leggera roadster prestazioni da brivido; infine, il cofano della 328 accoglie anche il 6 cilindri di 2500 cm3 da 170 CV della 325i E30.
La produzione si ferma all’inizio degli anni Novanta, dopo circa 80 esemplari, di cui 10 in versione USA.
Dal 1976 le Sbarro sono importate anche in Italia dalla Autosuisse, Piazza De Angeli 1, Milano; non si sa però quanti siano gli esemplari venduti nel nostro Paese. I prezzi sono elevatissimi: nel novembre 1976, la versione con carrozzeria Standard e motore due litri a carburatore da 109 CV costa 19.234.000 lire, il triplo della 320 con lo stesso motore e quasi quanto una 633CSi; la più cara, la America con il motore 6 cilindri 2500 da 150 CV della 525, arriva a ben 29.535.000 lire, poco meno di una Porsche 911 Turbo.
Nel 1992 Franco Sbarro fonda una scuola di design, Espera Sbarro, in cui giovani provenienti da tutte le nazioni imparano, sotto la guida del designer italo – elvetico, a disegnare e realizzare le auto dettate dalla loro immaginazione.
Per saperne di più: http://sbarro.perso.neuf.fr/index.html e http://www.e-sbarro.fr/.


I PRINCIPALI DATI TECNICI DELLE VERSIONI PIU' SIGNIFICATIVE DEGLI ANNI SETTANTA (pagina in formato pdf)


GALLERIA FOTOGRAFICA



La prima pagina del catalogo Sbarro del 1974



La pubblicità apparsa su Quattroruote del luglio 1976. La vettura fotografata è una 328 Standard; come si può notare, è identificata come BMW 328 e compare anche il marchio della Casa bavarese



Una 328 America del 1976



Torna all'indice

 
<< Serie 5 E12 Serie 6 E24 >>

 


 
 Sito On Line dal 16/11/2003 - Copyright E21 FANS CLUB 2003 - 2013
Tutti i contenuti di questo sito non sono riproducibili senza il consenso esplicito degli autori
Contattaci -  Realizzato con ASP-Nuke 2.0