Logo
  Articoli     
             
 


Visitatori
Visitatori Correnti : 18
di cui iscritti : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 250
Ultimo iscritto : Fulvialex
Lista iscritti

 
La Serie 3 E21
Inserito il 17 novembre 2003 alle 19:29:41 da atae21.

Art Car: la 320i Gruppo 5 di Roy Lichtenstein

Nato a New York nel 1923, Roy Fox Lichtenstein è generalmente ritenuto il padre della Pop Art in America. Da ragazzo, fino al 1938, Lichtenstein realizza ritratti di musicisti jazz. In seguito frequenta corsi presso l’Art Student League e poi in Ohio. Le sue opere successive fondono cubismo ed espressionismo, finché, negli anni Cinquanta, Lichtenstein imbocca la strada della Pop Art che lo porta alla celebrità. Egli inventa un nuovo filone della Pop Art che punta a ricondurre e a semplificare una frase, una stanza, una situazione nei colori acrilici del fumetto. La fortuna di Lichtenstein si deve infatti alla grande e simpatica innovazione che consiste nel trasmettere un messaggio importante ed attuale tramite una rappresentazione simbolica e spesso ridicolizzata della vita di tutti i giorni. Nel 1987, il Museo di Arte Moderna di New York dedica all’artista una retrospettiva sulle sue opere. Roy Lichtenstein muore a New York nel 1997.

Negli anni Settanta, la fama di Roy Lichtenstein ha raggiunto il culmine: BMW lo interpella per la realizzazione della terza vettura della serie "Art Car", con la carrozzeria decorata da affermati artisti contemporanei.
L’auto è una 320i di Gruppo 5, che disputerà la 24 Ore di Le Mans del 1977.
Lichtenstein anni dopo ricorda così la fase dell’ideazione: “Ho pensato molto e vi ho riversato tutto ciò che avevo dentro. Volevo usare le linee dipinte come una strada, che indica alla macchina la via da percorrere. Il disegno mostra anche lo scenario così come scorre via. Sono visibili persino il cielo e la luce del sole… Si possono elencare tutti gli elementi che la macchina ‘conosce’ nella sua esperienza di vita – la sola differenza è che questa macchina rispecchia tutte queste cose prima ancora di percorrere la strada”.
L'artista inventa la livrea servendosi di un modello in scala 1/5 e i colori sono poi riportati sulla vettura vera; i grossi punti neri e le colorate linee gialle che partono da un sole stilizzato sono riprese dal mondo dei fumetti.

Come da programma, la vettura gareggia alla 24 Ore di Le Mans del 1977, riportando un’ottima affermazione (rimandiamo al riguardo alla successiva pagine “Le E21 da competizione”), dopodiché inizia un’altra carriera, quella di opera d’arte, esposta nel Museo BMW e in altri importanti eventi in tutto il mondo, come il Concorso d’Eleganza di Villa d’Este del 2002 e del 2015.

Per saperne di più sull'artista e sulla vettura, tre link interessanti da consultare:
Roy Lichtenstein Foundation, il sito ufficiale dedicato all'artista;
BMW Art Cars, il sito della BMW dedicato alla serie delle Art Car;
Artsy, che ha dedicato una pagina a Roy Lichtenstein.




Roy Lichtenstein al lavoro sul modello in scala 1/5 della 320i (foto ufficiale BMW dell'epoca)








La vettura ai box di Le Mans e in gara















La 320i Gruppo 5 di Roy Lichtenstein esposta al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este 2015. (foto "blackboxes66")



Torna all'indice
 
<< E21 fuoriserie: la 320 Asso di Quadri Le E21 da competizione >>

 


I nostri preferiti
Targhe Nere (3104)
Mondo Alfetta (1508)
Audiclassiche (631)

 
 Sito On Line dal 16/11/2003 - Copyright E21 FANS CLUB 2003 - 2013
Tutti i contenuti di questo sito non sono riproducibili senza il consenso esplicito degli autori
Contattaci -  Realizzato con ASP-Nuke 2.0