Logo
  Articoli     
             
 


Visitatori
Visitatori Correnti : 9
di cui iscritti : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Iscritti
 Utenti: 276
Ultimo iscritto : Comiva
Lista iscritti

 
Gli uomini chiave
Inserito il 09 settembre 2004 alle 15:42:20 da blackboxes66.

Claus Luthe


Claus Luthe ritratto alla fine degli anni Settanta accanto al modello in scala di un'ipotesi di restyling della Serie 6 E24 (foto Motor Klassik)


Claus Luthe nasce a Wuppertal l’8 dicembre 1932. Rimasto orfano di padre, morto in guerra, nel 1948 trova impiego presso la carrozzeria Voll di Würzburg, dove resta sino al 1954. Dopo avere sposato la fidanzata Gertrude, Luthe viene assunto dalla Fiat, dove collabora al design della 500 (uscita nel 1957), in particolare delle linee del frontale.
Dopo pochi anni Claus Luthe passa alla NSU, dove disegna la Prinz IV (1961), la RO 80 (1968) e la K70 (entrata in produzione nel 1971 con il marchio Volkswagen). Dopo l’acquisizione della NSU da parte della Volkswagen (1969) e la conseguente fusione con l’Audi, Luthe si occupa delle linee dell’Audi 50/VW Polo (1974), della 100 C2 (1976) e inizia la progettazione della 80 B2.
Nel 1976 diviene responsabile del Centro Stile BMW, dove prende il posto che fu di Paul Bracq. Come il suo predecessore, Luthe abbraccia in pieno la filosofia seguita dalla Casa di Monaco, secondo la quale i nuovi modelli devono mantenere il tipico family feeling BMW, nonché riproporre in chiave moderna, ma senza stravolgerli, i canoni estetici della serie che vanno a sostituire. Luthe è anche un grande ammiratore della scuola stilistica italiana, e chiama al suo fianco Ercole Spada, che aveva conosciuto al Centro Stile Audi e noto per avere disegnato alcune tra le più note creazioni di Zagato tra gli anni Sessanta e Settanta.
La Casa di Monaco è in procinto di completare il rinnovamento della gamma con i nuovi modelli disegnati dallo stilista francese (la Serie 7 E23, l’ultima progettata sotto la guida di Bracq, sarebbe stata presentata dopo pochi mesi, nell'estate 1977): nei primi tempi il nuovo gruppo di progettazione si occupa dei restyling della Serie 3 E21 (presentato nel 1979) e delle altre vetture della “generazione Bracq”. La prima BMW della nuova generazione è la Serie 5 E28 (1981), che però conserva la cellula dell’abitacolo e le porte della precedente E12.
Il primo prodotto interamente nuovo del sodalizio Luthe – Spada è la berlina Serie 3 E30 (1982) e relative derivate; seguono la Serie 7 E32 (1986), che segna un netto salto in avanti rispetto al precedente modello, e l’ancor più innovativa Serie 5 E34 (presentata nel 1988), nella quale le classiche linee BMW sono riproposte in una veste molto più moderna e slanciata. Nel 1983, al termine di quest'ultimo progetto, Spada rientra in Italia per assumere la carica di direttore dell'I.DE.A. Institute di Torino.
Nuovo braccio destro di Luthe è l'olandese Harm Lagaay, che disegna la futuristica spider Z1 (E30); presentata come prototipo di stile nel 1987, piace a tal punto che la Casa decide di produrla in piccola serie a partire dal 1989. Al termine dello sviluppo della Serie 8 E31 (presentata nel 1989), Lagaay lascia la BMW per assumere la direzione del Centro Stile Porsche.
Per la progettazione della terza generazione della Serie 3, Luthe decide di avvalersi nuovamente della consulenza dell'amico Ercole Spada tramite l’I.DE.A. Istitute, in quel periodo molto in voga tra le Case europee.
Purtroppo, la vita familiare dello stilista non è altrettanto felice: il figlio Ulrich si è lasciato travolgere dal vizio della droga, giungendo all’ultimo stadio di tossicomane. Un giorno della primavera del 1990 Claus Luthe deve affrontare l'ennesimo violento litigio, nel corso del quale accoltella a morte il figlio. Al processo viene condannato a 2 anni e 9 mesi di reclusione, parte dei quali gli saranno condonati per buona condotta.
Pochi mesi più tardi ha luogo la presentazione della Serie 3 E36, l'ultima auto firmata da Luthe, che sarà ricordata come una delle più belle BMW di sempre.
Subito dopo la scarcerazione, la BMW offre a Luthe di rientrare al suo posto, ma egli, troppo provato dalla tragedia, preferisce ritirarsi a vita privata, continuando tuttavia a collaborare con la Casa di Monaco come consulente esterno per qualche tempo ancora.
Claus Luthe si spegne a Monaco di Baviera il 17 marzo 2008, all'età di 75 anni.


Torna all'indice
 
<< Paul Bracq Ercole Spada >>

 


 
 Sito On Line dal 16/11/2003 - Copyright E21 FANS CLUB 2003 - 2013
Tutti i contenuti di questo sito non sono riproducibili senza il consenso esplicito degli autori
Contattaci -  Realizzato con ASP-Nuke 2.0